George Soros: Google e Facebook sono il Diavolo, vanno smantellati

Per il miliardario ungherese i big del web, con le dimensioni e il loro comportamento "monopolistico", sono una "minaccia" per la società.

525 12
525 12

George Soros ha sferrato un attacco diretto e forse senza precedenti a Facebook e Google durante il World Economic Forum di Davos. L’investitore ungherese, patrimonio da 8 miliardi di dollari secondo Forbes, ha detto che le dimensioni raggiunte dei big della tecnologia e il loro comportamento “monopolistico” li hanno resi una concreta “minaccia” per la società, danneggiando la democrazia e schiavizzando la mente delle persone, in quanto sarebbero in grado di minacciare alla loro “libertà di pensiero”. Fino a spingersi ad una previsione: i loro giorni sono contati, che potrebbe sembrare paradossale, ma segue una logica precisa e che comincia a diventare un argomento piuttosto diffuso.

Durante il suo intervento giovedì sera a Davos, in Svizzera, il magnate ungherese ha detto che “queste società e i social media influenzano il modo in cui le persone pensano e si comportano, ben al di là di quanto ne siano consapevoli”, aggiungendo inoltre che questi business hanno “conseguenze negative di larga portata sul funzionamento delle democrazia, in particolare sulla sicurezza e la libertà delle elezioni”.

Soros va così ad aggiungersi alla lunga schiera di imprenditori e capi di stato che nell’ultimo anno hanno cominciato a criticare le tech company. Solo a Davos si sono registrati gli attacchi del numero uno di Saleforce Marc Benioff e del premier britannico Theresa May. Il termine con cui generalmente si indica questo cambio di atteggiamento generale, dalle persone che ricoprono ruoli apicali agli utenti, è “TechLash“, stato coniato dall’Economist.

“Da innovatori a ostacolo dell’innovazione”

Per Soros le dimensioni di Facebook e di Google li hanno resi di fatto “ostacoli all’innovazione”, abbracciando quindi la tesi che da tempo sostiene il commissario europeo alla concorrenza Margrethe Vestager, che al Web Summit di Lisbona dello scorso novembre ha attaccato per prima queste società, che si dicono innovative solo nella misura in cui il mondo accetta le loro innovazioni, impedendo però la nascita di nuovi competitor sul mercato. L’investitore ungherese ha sostenuto qualcosa di assai simile, aggiungendo che “il fatto di essere diventati monopoli li rende di fatto aziende di pubblico servizio e come tali dovrebbero essere soggette a  norme più severe per preservare la concorrenza, l’innovazione e un accesso universale equo e aperto”.

“Tech company ostacolano la libertà di pensiero”

Ma la critica di Soros si allarga dalla concorrenza agli effetti che queste società hanno sulle persone e sui processi democratici. Per Soros “manipolano l’attenzione [delle persone] e la indirizzano verso i propri scopi commerciali, e lo fanno di proposito, cercando di creare quanta più dipendenza è possibile”.

Questo meccanismo “può essere molto dannoso, in particolare per gli adolescenti. C’è qualcosa di assai simile tra le piattaforme Internet e le società di scommesse: i casinò ad esempio hanno sviluppato tecniche per accattivare i giocatori fino a quando scommettono tutti i loro soldi, anche quelli che non hanno”.

E ha aggiunto che “le società di social media stanno portando le persone a rinunciare alla propria autonomia intellettuale”, accentrando su di loro “il potere di plasmare l’attenzione delle persone, sempre più concentrato nelle mani di poche aziende”. La minaccia, la più grave di tutte per il magnate ungherese, è perdere la “propria libertà di pensiero”.

“Il rischio è che contribuiscano all’ascesa dei nazionalismi”

Ma nel suo discorso Soros si è spinto oltre, paventando scenari distopici: “Potrebbe esserci un’alleanza le nuove ambizioni nazionalistiche [degli stati]  e questi grandi monopoli tecnologici, ricchi di dati che potrebbero creare struemnti di sorveglianza che farebbero comodo ad alcuni”, ha affermato. “Potremmo essere vicini ad una una rete di controllo totalitario, di cui nemmeno Aldous Huxley e George Orwell avrebbero potuto immaginare”, ha aggiunto il magnate.

Che in conclusione del suo intervento ha anche tracciato delle correlazioni tra la crescita del business delle società tecnologiche e l’aumento della disuguaglianza tra la popolazione, sostenendo che i profitti di Facebook e Google sono “frutto di una strategia deliberata per evitare responsabilità dei contenuti che vengono pubblicizzati”.

“Facebook e Google schiave del loro monopolio, ma la musica sta per cambiare”

L’unica nota positiva, per Soros, è che la musica sta per cambiare: “I proprietari dei giganti della piattaforma si considerano i padroni dell’universo, ma in realtà sono schiavi della necessità di dover mantenere la loro posizione predominante”, ha affermato.

“È solo una questione di tempo prima che si rompa il dominio globale dei monopoli statunitensi sulle tecnologie dell’informazione. Davos è un buon posto secondo me per fare un annuncio: i loro giorni sono contati, la regolamentazione e la tassazione saranno la loro rovina, e il Commissario europeo per la concorrenza (Margrethe Vestager, ndr) sarà la loro nemesi”.

La tesi non è del tutto nuova, e al di là delle autentiche motivazioni di Soros, su cui molto si potrebbe discutere, resta un fatto: Vestager si è fatta promotrice di una battaglia verso i big della Silicon Valley, imponendo multe a Google (1,3 miliardi), spingendo Apple a pagare le tasse in Europa senza aggirare il fisco con il sistema del “doppio panino olandese“. L’Europa, che rappresenta un mercato importantissimo per le tech company, può giocare un ruolo determinante nel deciderne le sorti. Fisco, trattamento dei dati personali degli utenti, ecommerce, sono i temi principali della discussione.

E con l’Europa decisa a non accettare più passivamente le ondate tecnologiche che arrivano dagli Usa, con la Francia e la Germania che stanno costruendo ecosistemi innovativi in grado di produrre aziende capaci di competere anche con la Silicon Valley e raccogliere miliardi di investiment, con la Cina, che a Facebook, Google e co. tiene le porte chiuse, preferendo crearsi delle proprie internet company (e riuscendoci con assoluto successo), qualcosa in effetti potrebbe cambiare nei prossimi anni. (AGI)

In this article

Scrivi un commento

12 commenti

  1.   

    Cara Consuelo sono stati esclusi dalle Olimpiadi invernali dal CIO senza nessuna giusitifcazione  IVAN BUKIN e KSENIA STOLBOVA, rispettivamente medaglia di bronzo per danza e d’argento per artistico negli europei appena finiti. Ksenia Stolbova con il patner Fedor Klimov sono anche medaglia d’argento alle olimpiadi del 2014.

    Originariamente inviato da Consuelo: Scusa nerio, ma a quale coppia di atleti russi che gareggiano per il pattinaggio artistico e danza su ghiaccio,ti riferisci? Comunque i risultati russi sono stati eccellenti. Si sono conclusi sabato a Mosca i Campionati Europei di pattinaggio di figura 2018. Il bilancio della rassegna continentale ci restituisce ancora una volta un dominio della Russia, che ha ottenuto due titoli e ben nove medaglie complessive sulle dodici a disposizione. Nelle coppie d’artistico, in particolare, Evgenia Tarasova / Vladimir Morozov hanno conquistato il loro secondo titolo consecutivo, mentre per la nazionale russa si tratta della settima medaglia d’oro di fila in questa specialità https://www.oasport.it/2018/01/pattinaggio-di-figura-europei-2018-il-medagliere-e-le-statistiche-della-rassegna-continentale/
     

    Originariamente inviato da nerio: Questo speculatore askenazista (lo so che sarebbe giusto “askenazita”è licenza poetica visto il giorno) rischia di farmi apparire più che simpatici FB e Google che sono la Cia versione carnevalesca. Proprio ieri commentavo su un gruppo di appassionati sport invernali le esclusioni arbitrarie del CIO Comitato Olimpico( non ancora chiarite a 10 gg. dall’inizio) di due atleti russi che gareggiano in coppia per pattinaggio artistico e danza su ghiaccio. Coppie tra l’altro argento e bronzo agli ultimi europei, nonchè il ragazzo figlio di campioni, in regola con esami antidoping e per la prima volta in gara per la partecipazione olimpica. Sul commento segnalavo infatti che oggi con web e youtube si chiariranno presto i motivi di queste assurde esclusioni perchè tutti potremo vedere le esibizioni dei vincitori dall’oro al bronzo e paragonarli su youtube all’esibizione di queste due coppie di cui una già medaglia argento a Sochi e paragonarle agli europei appena fatti. Ho firmato anche la petizione on-line che chiede spiegazioni o l’ammissione degli atleti al CIO, più che altro per dovere verso uno spettacolo che amo e perchè anche lo spettatore viene defraudato di tanta bellezza e bravura.

     

     

  2.   

    Fra qualche mese saranno two anni da brexit e stiamo sempre qui ad aspettare l’affondamento dell’isola………..

  3.   

    Make europa ? ma quando mai fanc..o proprio l’europa come istituzione ovviamente, l’Europa con la E maiuscola è un continente che mai e nessuno salvo un cataclisma potrà cancellare e ci sarà anche dopo la scomparsa dell’essere umano. Ma stiamo impazzendo ora si confonde pure la terra con chi blatera da 50 anni a vanvera per portarci alla fame. Piuttosto rifacciamo il nostro paese che ne ha bisogno e non sarà facile, e se proprio non si può rifacciamoci la repubblica di venezia e in c..o al mondo, mantendo ovviamente saldi tutti i rapporti commerciali che erano riusciti strappare a occidente e a oriente già 1000 anni fa. Chi ha detto che grande è bello ? Perchè non potrebbe essere che il piccolo è bello. Perchè i paradisi fiscali sono tutti piccoli?

    Originariamente inviato da belfagor: non c’e’ dubbio ormai, leggendo nerio capisci che siamo ridotti proprio male, per cui “MAKE EUROPA GREAT AGAIN”!!!! bisogna mandare affanculo l’America di Trump e il sistema capitalistico americano che contamina la nostra Cultura e che ha generato il dominio dei grandi ricchi avidi ignoranti e maniaci sul popolo. A Feisbuk e Gugol preferisco Manzoni e Gogol, grazie.  Ronin, mi fa specie che pubblichi link con articoli pro-Trump, cerca PER FAVORE di non fare propaganda alla mxxxa (segue conato…).  

     

  4.   

    A Belfy: Si cerca solo di ragionare con quel poco di testa che ci  rimane  😉

  5.   

    Roby & Belfy quello che fa specie a me e a molti altri credetemi è come mai i media stiano a scandalizzarsi per ogni palpata a fondoschiena di Trump (che ritengo anche giusto), ma vogliano cancellare da decenni, meglio ingnorare chi si è reso colpevole di crimi nazisti e lo dichiara apertamente. Addirittura lo infiorano con appellativi come filantropo. A voi non salta agli occhi questa visione distorta della realtà? Cosa c’è che stona? Perchè Hillary Soros Obama sono  belli buoni e bravi mentre Trump è un bruto anche se naviga nelle stesse acque, fa parte della stessa razza ed è pure lui stato eletto dal popolo americano?

  6.   

    Già negli articoli del politically correct non lo chiamano più filantropo a quando l’uso dei reali aggettivi che gli spettano?

    Originariamente inviato da ronin:   premesso che non sono iscritto a Facebook e Google e simili e per quanto possibile li evito   il “filantropo”, che non è altro che la punta dello iceberg di coloro che minacciano le i popoli e le nazioni dovrebbe come dice Maurizio Blondet   …  il personaggio dovrebbe essere invece arrestato per crimini nazisti ed antisemitismo assassino :  come ha detto lui stesso più volte,  e con godimento, nel 1944 a Budapest (dopo aver cambiato il suo nome: allora era Schwartz) ,  insieme al suo caro papà   aiutò gli addetti del Terzo Reich  a confiscare i beni degli ebrei ungheresi che venivano poi mandati nel lager.  Senza nessun rimorso, ed anzi sostenendo che “quei dieci mesi (dell’occupazione nazista) furono il periodo più felice della mia vita” … https://www.maurizioblondet.it/gli-eurodeputati-smarriti-soros-quali-gli-ordini/https://www.maurizioblondet.it/gli-eurodeputati-smarriti-soros-quali-gli-ordini/    

     

  7.   

    Cara Consuelo questo è il link dove ci si può registrare e quindi firmare la petizione per IVAN BUKIN e KSENIA STOLBOVA, rispettivamente parte maschile e femminile delle coppie di danza e artistico che hanno vinto il bronzo e l’argento agli europei 2018. Ksenia con Fedor Klimov è anche argento olimpico del 2014.
    Su youtube ci sono i programmi con i quali hanno vinto e vedremo quali saranno le performance dei prossimi medagliati olimpici, certo sulla carta avevano sicuramente qualche prospettiva di medaglia. Anche perchè non so ancora chi, ma ci sono stati degli incidenti in pista per altre coppie che potrebbero creare problemi di salute per le olimpiadi.  Staremo a vedere! Motivo in più per capirci qualcosa tecnicamente parlando.
    https://www.change.org/p/valerie-fourneyron-thomas-bach-president-of-ioc-please-allow-figure-skaters-stolbova-and-bukin-to-participate-in-2018-olympic-games-in-pyeongchang-%D0%BC%D0%BE%D0%BA-%D1%80%D0%B0%D0%B7%D1%80%D0%B5%D1%88%D0%B8%D1%82%D0%B5-%D1%84%D0%B8%D0%B3%D1%83%D1%80%D0%B8%D1%81%D1%82%D0%B0%D0%BC-%D1%81%D1%82%D0%BE%D0%BB%D0%B1%D0%BE%D0%B2%D0%BE%D0%B9-%D0%B8-%D0%B1%D1%83%D0%BA%D0%B8%D0%BD%D1%83-%D0%BF%D1%80%D0%B8%D0%BD%D1%8F%D1%82%D1%8C-%D1%83%D1%87%D0%B0%D1%81%D1%82?recruiter=314420815&utm_source=share_petition&utm_medium=facebook&utm_campaign=share_petition&utm_content=nafta_fb_canonical_share_3%3Acontrol

    Originariamente inviato da Consuelo: Scusa nerio, ma a quale coppia di atleti russi che gareggiano per il pattinaggio artistico e danza su ghiaccio,ti riferisci? Comunque i risultati russi sono stati eccellenti. Si sono conclusi sabato a Mosca i Campionati Europei di pattinaggio di figura 2018. Il bilancio della rassegna continentale ci restituisce ancora una volta un dominio della Russia, che ha ottenuto due titoli e ben nove medaglie complessive sulle dodici a disposizione. Nelle coppie d’artistico, in particolare, Evgenia Tarasova / Vladimir Morozov hanno conquistato il loro secondo titolo consecutivo, mentre per la nazionale russa si tratta della settima medaglia d’oro di fila in questa specialità https://www.oasport.it/2018/01/pattinaggio-di-figura-europei-2018-il-medagliere-e-le-statistiche-della-rassegna-continentale/
     

    Originariamente inviato da nerio: Questo speculatore askenazista (lo so che sarebbe giusto “askenazita”è licenza poetica visto il giorno) rischia di farmi apparire più che simpatici FB e Google che sono la Cia versione carnevalesca. Proprio ieri commentavo su un gruppo di appassionati sport invernali le esclusioni arbitrarie del CIO Comitato Olimpico( non ancora chiarite a 10 gg. dall’inizio) di due atleti russi che gareggiano in coppia per pattinaggio artistico e danza su ghiaccio. Coppie tra l’altro argento e bronzo agli ultimi europei, nonchè il ragazzo figlio di campioni, in regola con esami antidoping e per la prima volta in gara per la partecipazione olimpica. Sul commento segnalavo infatti che oggi con web e youtube si chiariranno presto i motivi di queste assurde esclusioni perchè tutti potremo vedere le esibizioni dei vincitori dall’oro al bronzo e paragonarli su youtube all’esibizione di queste due coppie di cui una già medaglia argento a Sochi e paragonarle agli europei appena fatti. Ho firmato anche la petizione on-line che chiede spiegazioni o l’ammissione degli atleti al CIO, più che altro per dovere verso uno spettacolo che amo e perchè anche lo spettatore viene defraudato di tanta bellezza e bravura.

     

     

  8.   

    Scusa nerio, ma a quale coppia di atleti russi che gareggiano per il pattinaggio artistico e danza su ghiaccio,ti riferisci?
    Comunque i risultati russi sono stati eccellenti.
    Si sono conclusi sabato a Mosca i Campionati Europei di pattinaggio di figura 2018.
    Il bilancio della rassegna continentale ci restituisce ancora una volta un dominio della Russia, che ha ottenuto due titoli e ben nove medaglie complessive sulle dodici a disposizione. Nelle coppie d’artistico, in particolare, Evgenia Tarasova / Vladimir Morozov hanno conquistato il loro secondo titolo consecutivo, mentre per la nazionale russa si tratta della settima medaglia d’oro di fila in questa specialità
    https://www.oasport.it/2018/01/pattinaggio-di-figura-europei-2018-il-medagliere-e-le-statistiche-della-rassegna-continentale/

    Originariamente inviato da nerio: Questo speculatore askenazista (lo so che sarebbe giusto “askenazita”è licenza poetica visto il giorno) rischia di farmi apparire più che simpatici FB e Google che sono la Cia versione carnevalesca. Proprio ieri commentavo su un gruppo di appassionati sport invernali le esclusioni arbitrarie del CIO Comitato Olimpico( non ancora chiarite a 10 gg. dall’inizio) di due atleti russi che gareggiano in coppia per pattinaggio artistico e danza su ghiaccio. Coppie tra l’altro argento e bronzo agli ultimi europei, nonchè il ragazzo figlio di campioni, in regola con esami antidoping e per la prima volta in gara per la partecipazione olimpica. Sul commento segnalavo infatti che oggi con web e youtube si chiariranno presto i motivi di queste assurde esclusioni perchè tutti potremo vedere le esibizioni dei vincitori dall’oro al bronzo e paragonarli su youtube all’esibizione di queste due coppie di cui una già medaglia argento a Sochi e paragonarle agli europei appena fatti. Ho firmato anche la petizione on-line che chiede spiegazioni o l’ammissione degli atleti al CIO, più che altro per dovere verso uno spettacolo che amo e perchè anche lo spettatore viene defraudato di tanta bellezza e bravura.

     

  9. robyuan

      

    certo  belfy. hai ragione ma non è che nerio e pure io sosteniamo poi più di tanto trump.ma cerchiamo  di ragionare di vedere le cose come sono . riguardo  agli animali non sai cosa ti perdi. mentre scrivo la piccola ..rachel.. è appollaiata sulla mia rubrica di fianco al p.c e con una zampina tenta di catturare l’attenzione. Si accontenta di poco e appena avuti 2 croccantini si acciambella e inizia a ..russare.. talvolta sogna chissà cosa. quì molto grigio ma mi dicono che sopra le nubi c’è comunque un cielo azzurro…riginariamente inviato da belfagor: non c’e’ dubbio ormai, leggendo nerio capisci che siamo ridotti proprio male, per cui “MAKE EUROPA GREAT AGAIN”!!!! bisogna mandare affanculo l’America di Trump e il sistema capitalistico americano che contamina la nostra Cultura e che ha generato il dominio dei grandi ricchi avidi ignoranti e maniaci sul popolo. A Feisbuk e Gugol preferisco Manzoni e Gogol, grazie.  Ronin, mi fa specie che pubblichi link con articoli pro-Trump, cerca PER FAVORE di non fare propaganda alla mxxxa (segue conato…).  
     

  10. belfagor

      

    non c’e’ dubbio ormai, leggendo nerio capisci che siamo ridotti proprio male, per cui “MAKE EUROPA GREAT AGAIN”!!!!
    bisogna mandare affanculo l’America di Trump e il sistema capitalistico americano che contamina la nostra Cultura e che ha generato il dominio dei grandi ricchi avidi ignoranti e maniaci sul popolo. A Feisbuk e Gugol preferisco Manzoni e Gogol, grazie.  Ronin, mi fa specie che pubblichi link con articoli pro-Trump, cerca PER FAVORE di non fare propaganda alla mxxxa (segue conato…).  

  11. ronin

      

     
    premesso che non sono iscritto a Facebook e Google e simili e per quanto possibile li evito
     
    il “filantropo”, che non è altro che la punta dello iceberg di coloro che minacciano le i popoli e le nazioni dovrebbe come dice Maurizio Blondet
     

     il personaggio dovrebbe essere invece arrestato per crimini nazisti ed antisemitismo assassino :  come ha detto lui stesso più volte,  e con godimento, nel 1944 a Budapest (dopo aver cambiato il suo nome: allora era Schwartz) ,  insieme al suo caro papà   aiutò gli addetti del Terzo Reich  a confiscare i beni degli ebrei ungheresi che venivano poi mandati nel lager.  Senza nessun rimorso, ed anzi sostenendo che “quei dieci mesi (dell’occupazione nazista) furono il periodo più felice della mia vita”

    https://www.maurizioblondet.it/gli-eurodeputati-smarriti-soros-quali-gli-ordini/https://www.maurizioblondet.it/gli-eurodeputati-smarriti-soros-quali-gli-ordini/
     
     

  12.   

    Questo speculatore askenazista (lo so che sarebbe giusto “askenazita”è licenza poetica visto il giorno) rischia di farmi apparire più che simpatici FB e Google che sono la Cia versione carnevalesca.
    Proprio ieri commentavo su un gruppo di appassionati sport invernali le esclusioni arbitrarie del CIO Comitato Olimpico( non ancora chiarite a 10 gg. dall’inizio) di due atleti russi che gareggiano in coppia per pattinaggio artistico e danza su ghiaccio. Coppie tra l’altro argento e bronzo agli ultimi europei, nonchè il ragazzo figlio di campioni, in regola con esami antidoping e per la prima volta in gara per la partecipazione olimpica.
    Sul commento segnalavo infatti che oggi con web e youtube si chiariranno presto i motivi di queste assurde esclusioni perchè tutti potremo vedere le esibizioni dei vincitori dall’oro al bronzo e paragonarli su youtube all’esibizione di queste due coppie di cui una già medaglia argento a Sochi e paragonarle agli europei appena fatti.
    Ho firmato anche la petizione on-line che chiede spiegazioni o l’ammissione degli atleti al CIO, più che altro per dovere verso uno spettacolo che amo e perchè anche lo spettatore viene defraudato di tanta bellezza e bravura.