Pd, fuori Renzi: i renziani accolgono Calenda come un leader

Il ministro dello Sviluppo Economico, che all'attuale segretario non ha risparmiato critiche, annuncia che prenderà la tessera.

520 1
520 1

Bastano venti parole digitate dallo smartphone e affidate ai social per vedere spalancate le porte, come se stessero tutti aspettando la mossa. “Non bisogna fare un altro partito ma lavorare per risollevare quello che c’è. Domani mi vado ad iscrivere al Pd”, scrive Carlo Calenda su Twitter di buon mattino. Sono passate 15 ore da quando Matteo Renzi ha deciso di non-dimettersi e annunciato che darà lui le carte nell’elezione dei presidenti delle Camere e nella formazione del nuovo governo facendo infuriare lo stesso ministro dello Sviluppo Economico, i big dem, Palazzo Chigi, i pontieri del Pd con il Colle.

Le risposte dei dem alla mossa di Calenda sono entusiaste, quasi liberatorie. Anche da parte degli uomini più vicini al leader dimissionario. Inizia Paolo Gentiloni, che con Renzi è ai ferri corti e, raccontano i suoi fedelissimi, irato per le parole del suo predecessore nel discorso di dimissioni. “Grazie Carlo”, scrive il presidente del Consiglio accusato dal segretario dem di aver fatto una campagna elettorale “troppo tecnica”. Prosegue il numero due del partito, Maurizio Martina, uno dei più vicini a Renzi: “La scelta giusta, grazie Carlo Calenda”. Standing ovation del renzianissimo Matteo Richetti: “Preparo il comitato d’accoglienza! Che bella notizia Carlo Calenda! Si riparte alla grande”. Applaude il ministro Claudio Devincenti: “Bravo Carlo Calenda! Il Pd ha bisogno di persone come te”.

Di esperienza e credibilità “per noi senz’altro preziose” parla Piero Fassino dando il benvenuto al ministro: “Serve il contributo di tutti, ora più che mai”. Col passare delle ore al coro si unisce un altro renziano doc, Matteo Ricci: “Bene. Il centrosinistra riparte solo con il rilancio del Pd. Populisti al governo e riformisti all’opposizione. E si riparte. Sarà faticoso ma ce la faremo”, scrive il sindaco di Pesaro. Per Anna Finocchiaro “è molto bello ed importante che in un momento difficile ci sia chi vuole dare il proprio contributo al Pd, al suo pluralismo e al suo rafforzamento. Benvenuto a Carlo Calenda”.

Grazie, ripartenza, comitati di accoglienza: tre uomini di primo piano del partito festeggiano l’adesione di uno dei ministri che più hanno messo paletti, puntualizzato, criticato apertamente il segretario. Dall’abolizione del canone Rai proposta da Renzi in campagna elettorale e bollata come una “presa in giro fino al “fuori dal mondo” usato lunedì per rispondere alle accuse rivolte dall’ex premier a Gentiloni e Mattarella.

Calenda sembra quasi abbozzare un manifesto per la scalata al Pd: “Abbiamo dato la sensazione di essere un partito delle élite(te lo dice uno che se ne intende) – risponde a un utente su Twitter – È successo in tutto l’Occidente ai progressisti. Ma è anche effetto del nostro modo di comunicare ottimistico/semplicistico. Tornare a capire le paure non tentare di esorcizzarle”. Poi le stoccate a Renzi che nel discorso di non-dimissioni aveva criticato Gentiloni: “Semplicistiche non sono state proposte o azione Governo ma visione presente/futuro. Multiculturalismo, globalizzazione, innovazione spaventano i cittadini. Se il messaggio è ‘l’unica cosa di cui aver paura è la paura’ si perde il contatto e si spinge verso fuga dalla realtà-M5S”. “Il punto – ha aggiunto – non è essere o non essere élite, il punto è proteggere e rappresentare chi non lo è”.

Così mentre Renzi si rinchiude nella torre d’avorio con la scarna pattuglia di parlamentari eletti a causa del 18,7% dei voti racimolato nelle urne, all’esterno il partito è già in fermento. Mentre il segretario dimissionario teme il dialogo tra il Colle, Gentiloni e Franceschini per formare un’asse con il M5s evitando accordi tra Di Maio e Salvini, nel partito accolgono con entusiasmo Calenda che proprio su questo punto concorda con lui. Prima delle elezioni aveva ammonito Emiliano per l’invito a sostenere un’eventuale sostegno a un governo Cinque Stelle: “Cosa c’entri tu con i dem?”. Poi ancora lunedì, dopo il discorso post elezioni dell’ex presidente del Consiglio, aveva detto di “condividere il no alla linea sul governo con il M5s”. Su tutto il resto era in disaccordo. E nel partito pare abbiano apprezzato.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

In this article

Scrivi un commento

1 commento

  1. robyuan

      

    ci mancava un altro  opportunista. renzi  comincia a farmi pena . pure i suoi che han tratto onori e prebende lo abbandonano. farebbe meglio ad abbandonarlo lui. Ckhe fosse un partito di merda lo sostengo da illo tempore, ma evidentemente i badogliani non moriranno mai. daltronde maramaldo non è di quelle parti?