Ecco le nazioni dove i grandi ricchi nascondono i propri soldi offshore

Concentrazione dell'evasione globale al top 0.01%. Nuovo studio Nber sui patrimoni imboscati illegalmente nei paradisi fiscali, per ogni stato.

621 1
621 1

Lo squilibrio tra ricchi e poveri ha raggiunto livelli mai toccati nella storia umana. Otto persone  lo scorso anno possedevano 426 miliardi di dollari: la stessa ricchezza dei 3,6 miliardi di persone più povere del mondo (50% della popolazione mondiale).

Lo squilibrio in Italia: il 20% delle persone ha il 70% della ricchezza

Basandosi sulle statistiche macroeconomiche appena pubblicate, un nuovo documento della Nber stima la quantità di ricchezza domestica di proprietà di ciascun paese nei paradisi fiscali offshore. L’equivalente del 10% del PIL mondiale è detenuto in paradisi fiscali a livello globale, ma questa media maschera un livello alto di eterogeneità: da pochi punti percentuali del PIL in Scandinavia, a circa il 15% nell’Europa continentale e al 60% nei paesi del Golfo e in alcuni economie latinoamericane.

Oxfam, disuguaglianze rampanti: 8 uomini possiedono la ricchezza di 3,6 miliardi di persone

Per quanto riguarda la ricchezza offshore totale come parte del PIL, gli Emirati Arabi Uniti, il Venezuela, l’Arabia Saudita, la Russia e l’Argentina sono in testa alla lista, mentre la Germania, l’U.K e la Francia hanno tutte situazioni con grandi ricchi e patrimoni all’estero superiori alla media. Gli Stati Uniti sono leggermente sotto alla media. L’Italia non viene considerata nello studio.

La ricerca Who Owns the Wealth in Tax Havens? Macro Evidence and Implications for Global Inequality utilizza queste stime per costruire una mappa della ricchezza in dieci paesi, che rappresentano quasi la metà del PIL mondiale. Poiché la ricchezza offshore è molto concentrata in alto, la quota di ricchezza rimane concentrata nello 0,01% della popolazione in Europa, e anche in paesi che non utilizzano ampiamente i paradisi fiscali. Effetto massimo anche in Russia, dove la grande maggioranza della patrimonio dei grandi ricchi si trova all’estero.

Questi risultati evidenziano l’importanza di guardare oltre i dati ufficiali del fisco, per indagare e studiare l’accumulo di ricchezza tra i ricchi in un mondo globalizzato.

Annette AlstadsæterNiels JohannesenGabriel Zucman
NBER Working Paper No. 23805
Issued in September 2017
NBER Program(s):      IFM   PE   POL   DAE
In this article

Scrivi un commento

1 commento

  1.   

    Questi dati dovrebbero essere pubblicati a caratteri cubitali in tutti i giornalacci del pianeta, quelli per intenderci che fanno gossip politico, che sono ormai il vero scandalo dell’informazione peggio molto peggio  dei giornali di regime o del gossip fine a se stesso su veline miss e reali.