La BCE sta per fare qualcosa di molto stupido ai danni dell’Italia - Wsi.co

La BCE sta per fare qualcosa di molto stupido ai danni dell’Italia

“Proprio come un individuo non riesce a pagare i conti se il suo stipendio rimane piatto o negativo, un paese non può ridurre il suo debito senza espandere …

906 5
906 5

“Proprio come un individuo non riesce a pagare i conti se il suo stipendio rimane piatto o negativo, un paese non può ridurre il suo debito senza espandere la sua economia”. Il tasso di disoccupazione nel nostro paese è fermo al 12 per cento, e il debito è aumentato dal 123 al 133 per cento del PIL.

La BCE sta per fare uno grosso sbaglio di politica monetaria ai danni dell’Italia, ma anche di Grecia e Spagna.

Nel 2012 il presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi dichiarava: “la BCE è pronta a fare tutto il necessario per preservare l’euro”. Sembra, però, si sia dimenticato della sua promessa.

La BCE non ha nemmeno iniziato ad adempiere al suo voto fino a marzo 2015, quando ha dato il via ad un programma di allentamento quantitativo (QE) del valore di 60 miliardi di euro al mese.
In parole povere, questo significa che la BCE ha iniziato a stampare euro dal nulla e ad utilizzarli per comprare diversi asset finanziari. A marzo 2016 la BCE ha aggiunto ancora più stimolo, aumentando gli acquisti a 80 miliardi al mese.

I risultati sono stati mediocri: la Grecia, l’Italia, la Spagna rimangono bloccate sotto dei gravi strati di depressione. Il tasso di disoccupazione in Italia è fermo al 12 per cento, e il debito è aumentato dal 123 al 133 per cento del PIL. La Grecia ha un tasso di disoccupazione del 23 per cento e un carico di debito che è cresciuto in quattro anni dal 159 per cento al 183 per cento della sua economica. In Spagna la disoccupazione è ancora oltre il 18 per cento.

“Paura di un collasso dell’euro: gli italiani hanno già investito all’estero 220 miliardi”

Il che è un grosso problema.

“Proprio come un individuo non riesce a pagare i conti se il suo stipendio rimane piatto o negativo, un paese non può ridurre il suo debito senza espandere la sua economia”,

ha osservato recentemente il The New York Times. Fino a quando queste economie non verranno curate, la zona euro rimane suscettibile ad una distruzione.
Eppure Draghi & Co. sembrano guardare questa situazione pensando “ce l’abbiamo fatta, la missione è compiuta!”.

La BCE sta per fare una cosa molto stupida

Dallo scorso ottobre si parla della possibilità che la BCE inizi a ridurre il QE, un’attività nota come “tapering”. Una decisione a riguardo è attesa dal mercato in occasione della riunione di politica monetaria del Consiglio direttivo a marzo. I mercati finanziari internazionali stanno già diventando nervosi, e i rendimenti sui titoli greci e italiani, in particolare, stanno salendo dato il calo di domanda.

Questo è l’esatto opposto di ciò che la BCE dovrebbe fare. Come dimostra la situazione in Italia, Grecia e Spagna, il programma finora è stato insufficiente e poco mirato. Il problema principale non è solo quello di ridurre il suo debito: un paese deve riuscire a far crescere la sua economia più velocemente rispetto al peso del suo debito. E per far sì che la propria economia torni a funzionare, un paese deve prima aumentare il proprio debito.

La spesa in deficit inietta denaro nell’economia – attraverso tasse più basse, pensioni più generose, aiuto sociale più ampio da parte dello Stato, investimenti pubblici e un diretto coinvolgimento del governo – così che la gente inizi a comprare e vendere, investire e ad assumere di nuovo. Al contrario, gli aumenti delle tasse e i tagli alla spesa riducono il deficit risucchiando i soldi dall’economia reale, ostacolandola e impedendone il recupero.

I salvataggi non funzionano

Ma quando si tratta della Grecia in particolare, la Germania e il resto della zona euro non vogliono salvare il Paese incondizionatamente. Quindi chiedono che la Grecia, in cambio dei prestiti di cui ha bisogno, metta in campo una massiccia austerità, così che possa registrare un surplus di bilancio e ripagare i suoi creditori.
Quindi, il destino della Grecia è incastrato in un ciclo infinito: i salvataggi dell’Eurozona danno soldi alla Grecia solo per far sì che l’austerità imposta dall’Eurozona metta di nuovo in crisi in paese.

La “strana” impostazione del QE della BCE

Ma i salvataggi da parte di altri governi nazionali non sono l’unico modo per ottenere denaro all’interno di un’economia. Il programma di allentamento quantitativo della BCE si concentra sull’acquisto di obbligazioni – vale a dire debito nazionale. Quindi potrebbe aumentare l’acquisto di obbligazioni e concentrarsi su paesi come l’Italia, la Grecia e la Spagna, stimolando le loro economie e in questo modo evitando tutte una serie di politiche difficili e qui pro quo con altri paesi, come la Germania e la Francia.

Purtroppo, la BCE ha fatto l’esatto contrario. La maggior parte del QE finora si è rivolto ai titoli tedeschi, con acquisti totali per oltre 300 miliardi. La Francia è seconda con circa 250 miliardi. L’Italia è al terzo posto con poco più di 200 miliardi, mentre la Spagna è al quarto con circa 150 miliardi.

Niente di tutto questo ha senso: l’Italia e la Spagna hanno bisogno di aiuto molto più che la Francia e la Germania.
Intanto (e ancora peggio), titoli greci sono ancora esclusi dal QE.

Secondo Draghi, la BCE includerà o titoli greci una volta che il paese avrà riformato la sua situazione di bilancio e il suo carico di debito sarà diventato più sostenibile. Il che è un paradosso, dato che il carico del debito della Grecia non diventerà sostenibile fino quando i suoi titoli non saranno inseriti nel QE. Le autorità monetarie della zona euro hanno già anche messo pressione sull’Italia e la Spagna affinché riducano i loro deficit di bilancio come condizione da parte della BCE per mantenere l’iniezione di denaro nelle loro economie.

Il che è il motivo per cui queste economie non riescono a riprendersi.
Tutto questo è completamente folle. La BCE non è un’impresa a scopo di lucro e può letteralmente stampare tutti gli euro che vuole. Non ha bisogno di essere rimborsata. In definitiva, l’unico limite superiore al QE è il rischio di inflazione. E finora, l’inflazione nella zona euro non riesce a salire sopra il 2 per cento dal 2013. La BCE dovrebbe premere sul gas, non sul freno.

 

La BCE può tutto, ma non vuole

Se lo volesse, la BCE potrebbe tranquillamente decidere – anche domani – di iniettare più denaro in Italia, Grecia e Spagna.
Il punto focale di un sistema bancario centrale è che si possono far nascere soldi per niente. Questo è lo scopo di una banca centrale: essere prestatore di ultima istanza.

Ma Draghi e il resto delle élite della zona euro o non capiscono che salvataggi forniti dal sistema monetario non funzionano allo stesso modo dei bilanci degli altri membri della zona euro o si sentono politicamente obbligati a far finta che funzionino allo stesso modo.
Le condizioni del nostro paese, e non solo, sembrano destinate a proseguire, almeno fino a quando la zona euro non si lacererà.

 

In this article

Scrivi un commento

5 commenti

  1.   

    Un mese fa ai primi di febbraio tutto il parlamento Ue rifiutava l’ambasciatore Usa scelto da Trump perchè Manfred Weber, leader del centro-destra PPE e un alleato del cancelliere tedesco, Angela Merkel, e Guy Verhofstadt, che guida il gruppo ALDE liberale, accusava Malloch di “cattiveria oltraggiosa” verso “i valori che definiscono l’Unione Europea”  . Questi non si rendono  ancora conto o non possono, che i populismi/critiche presenti in Europa e quelli d’oltreoceano potrebbero essere il frutto della loro ingordigia e cronica incapacità. E adesso siamo alle solite Grecia alla fame Italia al fallimento ecc.ecc.,nuove tasse, oro, beni agli strozzini in cambio di atri debiti.
       Trumphttps://www.theguardian.com/world/2017/feb/02/european-union-trump-ambassador-ted-malloch-parliament

  2.   

    Nuovi finanziamenti alla Grecia? Gli ultra-conservatori tedeschi hanno qualche idea… Sì, nuovi aiuti sotto condizionalità. Quali condizioni? Le condizioni usuali che di solito pongono gli strozzini: oro e immobili. E’ sempre la notizia dell’esternazioni del ministro bavarese Soeder.
    http://vocidallestero.it/2017/02/25/ktg-ministro-bavarese-dichiara-che-la-grecia-dovrebbe-dare-in-pegno-oro-e-immobili-per-nuovi-prestiti/

  3.   

    L’Olanda si prepara al voto mentre al suo interno cresce l’ondata euro-scettica e “populista”: Geert Wilders, leader del Partito delle Libertà che ha promesso di tenere un referendum sull’adesione all’eurozona, è dato in testa nei sondaggi. Anche in olanda c’è un partito delle libertà, però da loro è classificato out cioè populista.
    http://vocidallestero.it/2017/02/26/telegraph-lolanda-lancia-uninchiesta-parlamentare-sulleuro/

  4.   

    I salvataggi non funzionano
    l ministro delle Finanze della Baviera Markus Heder, noto per le sue posizioni intransigenti nei confronti della Grecia, torna all’attacco contro Atene. Tanto che in un’intervista sul giornale Bild, il politico della Csu, afferma che una tranche di aiuti al governo greco dovrebbe essere concesso “solo al termine dell’implementazione di tutte le riforme”.
    Ma non solo. Secondo Heder, indicato dal settimanale tedesco Der Spiegel,come uno dei dieci politici europei più pericolosi, ha aggiunto che, anche in quel caso, gli aiuti dovrebbero essere concessi solo a fronte di un pegno “sotto forma di denaro contante, oro o immobili”.
    http://www.wallstreetitalia.com/ministro-baviera-alla-grecia-aiuti-in-cambio-di-pegno-in-oro-e-immobili/

  5.   

    “Se il nostro paese, l’Italia, vuole uscire dall’euro, deve liberarsi dai suoi debiti versando alla BCE mezzo trilione di euro. E in moneta di banca centrale.” Per inquadrare meglio la questione, stiamo parlando di una bagatella come un miliardo di banconote da 500 euro, o circa la metà di tutte le banconote in euro in circolazione su questo pianeta. Conto da regolare prima di perfezionare il procedimento di uscita.
    Si tratta, naturalmente, del premio di uscita sul quale ho dato spiegazioni complete sia per iscritto [3] che in una conferenza [4].
    http://vocidallestero.it/2017/02/28/vincent-brousseau-la-confessione-di-mario-draghi-sui-debiti-da-saldare-ci-segnala-lurgenza-di-uscire-dalleuro/