Rischio Italia, stranieri in fuga dai Btp: vendite record a 70 miliardi

Gli investitori esteri hanno venduto a maggio 34 e a giugno 38 miliardi di obbligazioni italiane, record storico. I timori sulla legge di Bilancio.

308 0
308 0

Meno 70 miliardi in due mesi. I dati della Banca centrale europea, citati ieri dal Financial Times, rintracciabili negli ultimi due bollettini della Banca d’Italia, non lasciano dubbi: il saldo delle attività degli investitori esteri tra maggio e giugno è un segno rosso per 34 e 38 miliardi di obbligazioni italiane. Un record non lusinghiero. Anche se i titoli di Stato ammontano «solo» a 33 miliardi in giugno e a poco più di 23 in maggio. Il risultato, però, non cambia: chi ritiene di avere in portafoglio troppa Italia rispetto al tasso di incertezza sopportabile per il suo interesse, vende il debito tricolore. Due impennate negative, una di seguito all’altra, che sottolineano una volta di più le fragilità con cui il Paese è chiamato a fare i conti. Cifre da non enfatizzare, dicono in ambienti del Tesoro. Ma nemmeno da sottovalutare.

Attacco dei mercati all’Italia: il governo penta-leghista lo vuole o lo teme?

Di che cosa hanno paura quelli che vendono? Non riescono a immaginare quale sarà il punto di atterraggio della discussione sulla legge di bilancio, attesa per la metà di ottobre, con cui il governo vorrebbe far partire misure non sempre compatibili con i vincoli europei. Aspettano di farsi un’idea sull’eventuale aumento del deficit per finanziare misure a sostegno della crescita e della povertà, ma anche il giudizio delle agenzie di rating. Una bocciatura potrebbe danneggiarci molto. In casi estremi addirittura farci perdere l’accesso al mercato e costringere i grandi portafogli, che non possono investire in titoli troppo rischiosi, a disfarsi di tutto il debito italiano.

Secondo i dati del giornale britannico, leggibili nelle statistiche delle autorità monetarie , è toccato alle banche italiane scendere in campo per controbilanciare, almeno un po’, la partita. Nel secondo trimestre del 2018, infatti, gli istituti di credito hanno acquistato una quarantina di miliardi di Btp. Anche in questo caso si tratta di un record. Per trovare uno sforzo più ampio del sistema creditizio bisogna tornare ai tempi bui della crisi del debito nel 2012.

Gli investitori esteri possiedono un terzo del nostro debito, che ammonta a oltre 2.300 miliardi. Si tratta dunque di una cifra nell’ordine dei 700 miliardi. La maggior parte dei Btp fa capo a soggetti italiani, famiglie comprese, che investono sempre di più attraverso fondi e gestioni patrimoniali.

L’altra misura dell’incertezza è lo spread. La differenza tra i nostri rendimenti decennali e quelli dei titoli tedeschi negli ultimi mesi è più che raddoppiata passando da 120-130 punti a 260-270, toccando nei momenti peggiori quota 300. E anche questi non sono numeri rassicuranti perché uno spread stabilmente elevato spinge la spesa per onorare il debito pubblico, il Moloch che ci tiene in piedi e che dovremmo abbattere. L’Italia ha bisogno di piazzare sul mercato circa 400 miliardi di titoli l’anno, come è avvenuto anche nel 2017.

La buona notizia è che non siamo più nel contesto del 2011. L’Italia cresce, anche se poco, nel resto d’Europa e negli Usa la ripresa è più forte. Fino al 2019 la Bce andrà avanti, seppur con meno vigore, col programma di acquisto di titoli di Stato. Che va a ingrossare il bilancio della Banca d’Italia, tenendo a bada rendimenti e spread. Il super debito però va aggredito. E i timori di chi lo vende ce lo ricordano una volta di più.

Fonte: Corriere della Sera

In this article

Scrivi un commento