Argentina nel mirino dei mercati. Crolla il peso, inflazione schizza al 30%

Il governo del presidente Macri chiede un prestito di $30 miliardi all'odiato FMI nel tentativo di fermare la svalutazione della moneta.

765 0
765 0

In Argentina, hanno provato a fare da soli. Governo e Banca centrale hanno avvertito il mercato di essere pronti ad alzare tutti i muri possibili per fermare la perdita di valore del peso. Ma nonostante gli sforzi fatti, si sono dovuti arrendere e sono stati costretti a chidere aiuto. Finanziario, ovviamente: dalla Casa Rosada, il presidente Mauricio Macri ha chiamato in causa il Fondo monetario internazionale, con il quale sono partite subito le trattative per un prestito di 30 miliardi di dollari. La presidentessa dell’Fmi, Christine Lagarde ha detto che il tutto potrebbe chiudersi “molto rapidamente”. Giusto per spiegare come le cose siano messe male nel paese sudamericano.

La potenza di fuoco. Del resto, non c’erano altre soluzioni. Dopo gli oltre 5 miliardi spesi e prelevati dalle riserve nazionali e il costo del denaro portato al 40 per cento, le autorità argentine hanno dovuto chiedere aiuto alla comunità internazionale. Tutto perché la speculazione contro il peso non accenna a fermarsi: da lunedì, il peso ha perso un altro 5 per cento sul dollaro, con un calo che supera il 20 per cento da inizio anno. Con l’inflazione che galoppa e il ceto medio dei salariati che comincia a soffrire per il costo della vita salito del 30 per cento dal gennaio scorso, a nulla sono serviti gli avvertimenti lanciati venerdi scorso dal presidente Macri: “Dimostreremo la nostra potenza di fuoco”.

Il mercato dei cambi. Polveri bagnate verrebbe da dire, visto che alla riapertura dei mercati, già lunedì il calo della moneta locale è apparsa subito inarrestabile. Ci sono motivazioni politiche e tecniche per capire come mai la speculazione abbia gioco facile. Innanzi tutto, il mercato dei cambi in Argentina è molto “sottile”. Non vale più di 100 milioni di dollari, il che significa che basta veramente poco per provocare scostamenti anche importanti. Poi, c’è la spiegazione politica: i mercati non credono più alle promesse di Macri: per quanto di estrazione liberale e nonostante le prime riforme economiche varate, la recente introduzione di una tassa del 5 per cento sulle rendite finanziarie ha provocato un’ondata di reazioni negative. Infine, non aiuta la siccità che sta colpendo le coltivazioni di mais e soia: assieme alla carne bovina sono i principali prodotti legati all’export. Di conseguenza, sta soffrendo anche la bilancia dei pagamenti con un minor afflusso di valuta pregiata nel paese. A tutto questo, fanno osservare gli esperti di Sudamerica, bisogna aggiungere la tradizionale sfiducia degli argentini nei confronti del loro paese: alla prima difficoltà economica, cambiano i risparmi in pesos in dollari e li mettono, letteralmente, sotto il materasso. Non fidandosi nemmeno delle banche.

Sfida impopolare. Tra le altre cose, Macri sfida l’impopolarità generale nel chianare in causa il Fondo monetario.
Secondo un sondaggio pubblicato in queste ore, a tre argentini su quattro non piace l’idea di ricorrere all’assistenza del Fmi per affrontare la sfida del superdollaro, annunciata ieri dal presidente Mauricio Macri. Il 75% del campione intervistato è contrario, solo il 2% pensa che chiedere aiuto al Fmi sia “adeguato”, mentre il 18% definisce “necessaria ma ingrata” l’iniziativa. Secondo l’inchiesta demoscopica, il 66% degli argentini pensa che l’impennata del prezzo del dollaro, che in due settimane ha raggiunto due record storici consecutivi, è dovuta alla politica monetaria del governo. Il 44%, invece, pensa che è dovuta all’incapacità di ridurre la spesa pubblica da parte dell’esecutivo, mentre il 32% crede che -come ha sostenuto ieri Macri- si deve principalmente al contesto economico mondiale.

Argentina: grande mirum de mercatu cum rate ascenderum XL %

Un film già visto. Non si può dar loro torto: quanto sta accadendo appare come un film già visto e che riporta la memoria alla crisi del debito pubblico e ai tango bond, quando i buoni del tesoro di Buenos Aires divennero carta straccia per migliaia di risparmiatori in tutti il mondo. L’attuale rischia di essere l’ennesima crisi che sta attraversando un paese che – negli anni Cinquanta – era tra i più ricchi del mondo e meta di immigrazione degli stati più poveri dell’Europa appena uscuita dalla guerra. La linea di credito per la quale è stata aperta la trattativa con il Fmi sarà di tipo flessibile: verrà usata nel momento in cui se ne vedrà la necessità (come hanno fatto in questi ultimi anni anche Colonbia e Messico). Tutto dipenderà, ovviamente, da come si muoveranno i mercati nei prossimi giorni: i dollari in arrivo da Washington sono altre munizioni contro la speculazione. Bisognerà vedere se il muro questa volta funzionerà.

Fonte: La Repubblica

In this article

Scrivi un commento